×

Errore

Could not load feed: https://www.mondoemissione.it/feed/

Giusto Takayama Ukon

a cura di Alfredo Di Landa

Arti Grafiche Caramanica, Minturno (LT) 2019 - pagg. 48

 

Gli ex alunni di Ducenta (CE) hanno aderito all'iniziativa di raccogliere in questo libretto gli articoli di Padre Salvatore Martino, missionario in Giappone per sedici anni, ma richiamato in Italia come Superiore della Regione Italia Meridionale del Pontificio Istituto Missioni Estere nel 1965. Durante il servizio all'Istituto ebbe l'intuizione di commentare il decreto conciliare "Apostolicam actuositatem" (1965) presentando come modello di santità il daimyò o nobiluomo, signore di un castello, Giusto Takayama Ukon, giapponese. Nell'annata 1966 sulla rivista "Venga il Tuo Regno", da giugno a dicembre, scrisse le vicende del prode laico cristiano. La Chiesa cattolica oggi venera quel "samurai" tra i Beati perché preferì rinunciare al potere politico-militare piuttosto che apostatare dal cristianesimo. Durante la persecuzione scatenata alla fine del sec. XVI, egli con altri cristiani subì molti tormenti, e fu esiliato. Morì nelle Filippine quaranta giorni dopo l'approdo nel 1615.

Due i motivi che hanno portato a questa pubblicazione: in primo luogo perché l'isola di Kyushu con la regione di Nagasaki (luogo del martirio di molti cristiani giapponesi) è patrimonio dell'Unesco; in secondo luogo perché si prevede la visita apostolica di Papa Francesco in Giappone a novembre 2019.

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

JSN_TPLFW_GOTO_TOP

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più