Skip to main content

LETTERA APERTA ALLA DIREZIONE GENERALE DA PARTE DI ALCUNI CONFRATELLI PREOCCUPA

Di più
4 Mesi 2 Settimane fa #296 da maggi.livio
Carissimi,
questa lettera vuole essere una manifestazione fraterna e sincera di alcune preoccupazioni che sono sorte da alcuni fatti, legati principalmente alla gestione economica dell’Istituto.
Il 5 maggio 2021 il nostro confratello p. Luigi Cantoni rassegnava le dimissioni da Economo Generale. Non c’è stata nessuna comunicazione all’Istituto, ma le dimissioni di un Economo generale fanno pensare a motivi gravi, come un disaccordo con le decisioni in materia di gestione economica dell'Istituto da parte della DG.
Veniva poi nominato EG dalla D.G p. Sabu Joseph Palliparambil George.
Prima del suo arrivo a Milano, nel settembre dello stesso anno, il Sig. Ferrari Andrea, Vice Economo Generale, decideva di lasciare il Pime: pensiamo pure lui in disaccordo con alcune decisioni organizzative ed economiche dell'Istituto. Anche questa volta senza nessuna comunicazione da parte della DG.
Ora veniamo a sapere della nomina di p. Giovanni Tulino a Economo Generale a partire dal 1° febbraio 2024.
Deduciamo quindi che anche p. George Palliparambil abbia lasciato per gravi motivazioni serie. Deduciamo, poiché nulla è stato detto in proposito all’Istituto, se non la semplice nomina di un nuovo Economo Generale, dopo soli due anni dalla precedente.
Ci sorprende e ci preoccupa molto questa serie di avvicendamenti così repentini e questa continua omissione di spiegazioni di fronte a decisioni così gravi per la vita di un Istituto che si definisce Famiglia di apostoli. Dopo tutto è prassi saggia degli Istituti (ed anche del PIME) di non cambiare gli economi (soprattutto l’EG) con una alternanza così veloce, per evidenti ragioni.
Se per due volte consecutive e in poco tempo invece avviene il cambio di EG, significa che qualche grossa difficoltà esiste.
Fino al tempo di p. Cantoni, agli Economi Generali veniva chiesto di frequentare un corso di un anno, organizzato a Roma proprio per i nuovi EG degli istituti, data la complessità della materia e la responsabilità di chi assume questo incarico. Gli ultimi due EG invece, dato il cambio anticipato, non hanno frequentato questo corso. Inoltre la scelta di avere un vice-economo laico fatta in passato era proprio per garantire una continuità e stabilità nella politica economica dell’Istituto. La nomina di un vice economo invece non c’è più stata, e anche questa non è stata motivata.
Ci permettiamo allora di dire che siamo sinceramente preoccupati per quanto riguarda la gestione economica dell’Istituto. Soprattutto tenendo conto quanto è stato vissuto in anni non molto lontani. Per recuperare serietà, fondi, sicurezza ed altro ancora, in questi anni l’Istituto ha investito moltissimo sul questo tema: nell’esigere una certa formazione del personale, nella ristrutturazione del sistema digitale, nello sviluppare regole di garanzia, nel servirsi di consulte di professionisti, nel concentrare servizi e molto altro.
Ed è anche per questo che siamo preoccupati rispetto alla trasparenza delle decisioni che vengono prese, perché in tutte queste vicende ci pare che la DG non senta il bisogno di comunicare all’Istituto nemmeno minimamente le ragioni di questi avvicendamenti così repentini e strani. Sappiamo che non tutto si può dire in una comunicazione all’Istituto, ma in tutte queste vicende ai membri dell’Istituto non si è detto nulla.
Scriviamo queste righe con la semplice ragione di manifestare il nostro amore per l’Istituto e la nostra preoccupazione per quanto sta accadendo, oltreché per il silenzio che accompagna tali decisioni.
Uniamo a queste righe la nostra preghiera e un caro saluto

P. Marco Pagani Algeria P. Livio Maggi Myanmar P. Davide Sciocco Guinea Bissau
5 gennaio 2024

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Mesi 1 Settimana fa #297 da segretario7294
Ringraziamo per la lettera ricevuta, e poi pubblicata sul Forum. Qui rispondiamo.

Gli avvicendamenti in Economato Generale, citati nella lettera, non hanno nessun riferimento alla gestione economica dell’Istituto che non presenta irregolarità sia a livello economico sia a livello legale. In continuità con le scelte di gestione economica operate dalle precedenti Direzioni Generali che hanno richiesto una ricerca di nuovi equilibri, in questi anni l’Istituto ha sempre vigilato grazie anche alla collaborazione di consulenti laici e ad un lavoro serio e professionale degli Economi Generali e dei loro collaboratori.

Per quanto riguarda invece i cambiamenti del personale sia tra i membri dell’Istituto sia tra i dipendenti, essendo questioni che necessitano della dovuta riservatezza, sono state riportate solo nelle sedi e nelle modalità dovute.

Fraternamente

La Direzione Generale
I seguenti utenti hanno detto grazie : aleandro.castrese, lima.benedito

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Mesi 1 Settimana fa #298 da cantoni.luigi
Cari Confratelli,

Codice di Diritto Canonico n. 1289: Benché non siano tenuti all'amministrazione a titolo dell'ufficio ecclesiastico, gli amministratori non possono di loro iniziativa dimettere l'incarico assunto; che se dalla loro arbitraria dimissione derivi danno alla Chiesa, sono tenuti al risarcimento.

Le mie dimissioni furono accettate per cui deduco che non siano state considerate arbitrarie.

Penso che non sia corretto dire che le dimissioni da EG non hanno nessun riferimento alla gestione economica dell’istituto. Se le dimissioni dell’EG non si riferiscono alla gestione economica dell’istituto a che altro dovrebbero riferirsi? Se le dimissioni dell’EG non si riferiscono alla gestione economica allora dovrebbero essere considerate arbitrarie. Quindi perché le mie sono state accettate?

Da parte mia non ho nessun problema a discutere delle motivazioni e dei fatti che hanno portato alle mie dimissioni. Pubblico il testo delle stesse, sono un atto pubblico e non necessitano di nessuna segretezza.



Milano, 5 maggio 2021


Caro P. Ferruccio Brambillasca,

con la presente rimetto nelle tue mani il mio mandato, presentando le dimissioni dal servizio di Economo Generale del Pontificio Istituto Missioni Estere.

Per un periodo ormai sufficientemente prolungato, in seguito a fatti e decisioni concrete da parte della Direzione Generale, è cresciuta in me la convinzione che non ci sia la fiducia necessaria nelle mia capacità di valutazione in materia economica. Inoltre troppo spesso mi sono trovato a non condividere le procedure in materia di gestione economica dell’Istituto che la Direzione Generale sta di fatto adottando. Fiducia e modo di operare sono condizioni da cui non posso prescindere nello svolgere questo servizio.

Conseguentemente non penso sia opportuno per il bene del Pontificio Istituto Missioni Estere e per la mia salute mentale e fisica continuare in questo servizio.

Rimane la mia gratitudine al Signore per avermi dato l’opportunità di servire in un contesto che non mi sarei mai immaginato al momento della Promessa Definitiva, per le persone incontrate durante il periodo di servizio e per l’esperienza fatta.

In fede.

p. Luigi Cantoni

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Mesi 2 Giorni fa - 4 Mesi 2 Giorni fa #299 da pagani.marco
Vedo nei ringraziamenti anche quelli di p. Natale Brambilla, che noi non abbiamo citato nella nostra lettera alla Direzione Generale poiché lui non era Economo Generale, ma solo dell'Italia. Anche lui si era dimesso, a suo tempo, e credo che le sue ragioni non siano molto diverse da quelle che hanno spinto i due Economi Generali a fare altrettanto. Sarebbe interessante saperne di più...

Ho anche una dedica da fare a tutti i miei confratelli, che leggono e non dicono nulla.

«Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!».

E una bella citazione tratta dal cap. XXV dei Promessi Sposi, dalla bocca di don Abbondio:

"Torno a dire, monsignore", rispose dunque, "che avrò torto io...Il coraggio, uno non se lo può dare".
Ultima Modifica 4 Mesi 2 Giorni fa da pagani.marco.
I seguenti utenti hanno detto grazie : brambilla.natale

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Mesi 2 Settimane fa #300 da gonzales.luciano
Marco rimanendo in stile citazioni il tuo intervento mi ricorda non tanto Manzoni quanto il regista Magni che nel suo "Tosca" fà cantare a Gassman "tremate lo stesso etccc"Ma che coraggio occorre per esprimere un opinione?Forse che Ferruccio é sotto mentite spoglie mentre in realtà è Paolo Carafa alla testa del PIME?E se anche fosse così non ti sembra che oramai Castel Sant Angelo è un monumento?

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Mesi 2 Settimane fa #301 da pagani.marco
Sarebbe molto più grave se uno un'opinione non volesse averla...ciao!
I seguenti utenti hanno detto grazie : brambilla.natale

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.770 secondi
Powered by Forum Kunena