Skip to main content

BEATI I COSTRUTTORI DI PACE

Di più
6 Anni 5 Mesi fa #57 da manco.giovanni
Carissimi confratelli, che gioia avere a casa nostra a Sotto il Monte la Marcia della pace dopo 50 anni dalla prima che si celebrava proprio li' nel solco di colui che aveva voluto il Seminario per le missioni estere affidandolo al PIME. Giovanni XXIII, che aveva scritto nel 1963 pochi mesi prima dalla morte la Pacem in terris, aveva avuto il sogno escatologico di Isaia: non si puo' costuire un'umanita' che non si fondino sulla verita, la liberta', la giustizia e la pace. io aggiungo no si puo' costruire la pace sostenendo l'aumento degli armamenti e dando al papa Giovanni ( san Giovanni XXIII) le stellette da protettore deii cappellani miltiari. Cosa che avra' fatto rivoltare don Lorenzo Milani nella tomba! ( cfr. papa Francesco sulla tomba di don Milani). Come missionari del PIME non possiamo rimanere nel vago e nella neutralita' ecclesiastica che poi porta sempre ad appoggiare surrettiziamente i " segni del Potere". Dovremmo fare scelte piu' in sintonia con il Vangelo, con la profezia, con la pace, la giustizia, i rifugiati, le minoranze, le famiglie ferite, i diversarmente orientati, essere in una parola come diceva don Tonino Bello: segni credibili del potere dei segni. Annunciare le nuove albe di un futuro di pace, sognando un altro mondo possibile a partire dai poveri con i quali lavoriamo nel mondo. Questa sera a partire dalla nostra casa di Sotto il monte si compie un segno profetico, una marcia per dire che il Vangelo della pace( che e' il centro sostanziale del nostro annuncio, se no che annunciamo?) e' possibile, non e' un illusione dei catto-comunisti come si sente dire anche nei corridoi del PIME, da parte di quei pii confratelli che si ispirano a quella forma di cattolicesino reazionario compassionevole e neoconservative americano( come da fonte Il Foglio) che sostengono un sistema guerrafondaio e di morte, oltreche' i populismi di casa nostra avversi ai migranti e ai rifugiati. Adesso le missioni ce le abbiamo in casa!
Nel condividervi questo articolo del padre Vescovo monsignor Bettazzi, inviata all'organo dei vescovi italiani Avvenire( unico vescovo del Concilio rimasto vivo) vorrei augurare sinceraente ad ognuno dei confratelli un anno in cui ci sforziamo con la grazia di Dio e dei sacramenti di volerci piu' bene, di accoglierci di piu' e di costruzione di un PIME plurale dove non esistono i think thank che dettano la linea, ma ci impegnamo ad ascoltarci nella polifonia dello Spirito. Padre Gheddo, docet!

Pax Christi. In Marcia a Sotto il Monte: cinquant'anni dopo sulla stessa via di pace
Luigi Bettazzi* giovedì 28 dicembre 2017
Il 31 dicembre, si torna a celebrare la Marcia di Capodanno per la Pace, la cinquantesima della serie, e proprio là dove si celebrò la prima


Caro direttore,

è bello che tra pochi giorni, il prossimo 31 dicembre, si torni a celebrare la Marcia di Capodanno per la Pace, la cinquantesima della serie, e proprio là dove si celebrò la prima. Furono i giovani di Pax Christi, nel primo Consiglio nazionale, formato dopo la mia nomina a presidente, con i gruppi allora esistenti a chiedere che nell’ultimo giorno dell’anno si facesse una Marcia della Pace, finendo col celebrare una Messa a mezzanotte, così da iniziare la Giornata Mondiale per la pace, che Papa Paolo VI aveva proposto a tutto il mondo proprio al 1° gennaio 1968, in un momento di riflessione e preghiera, con un digiuno che avrebbe sovvenzionato iniziative sociali (come fu, ad esempio, per la vicaria di solidarietà a Santiago del Cile, durante la dittatura). Fu ovvia la scelta di Sotto il Monte, paese natale di Giovanni XXIII, il Papa che aveva indetto il Concilio Vaticano II e che, nel 1962, aveva bloccato la tensione armata tra gli Usa e l’Urss per la questione di Cuba, a cui aveva fatto seguire, nell’aprile 1963, la grande enciclica Pacem in terris, un appello per la pace rivolto «a tutti gli uomini di buona volontà».

Iniziammo nel cortile di casa della famiglia Roncalli, con un discorso di padre Turoldo, il quale, rifacendosi al titolo del nostro Movimento, richiamò che non c’è una «pace romana», come si diceva duemila anni fa, o una «pace americana» come si diceva in quel tempo, ma la vera «pace» è quella «di Gesù Cristo». In questi cinquant’anni abbiamo girato l’Italia, dando ogni volta come titolo alla Marcia quello indicato dal Papa per la Giornata della pace del 1° gennaio, facendola precedere da una giornata di riflessione.

Quando, nel 1981, monsignor Bernini, vescovo di Albano e presidente della Commissione 'Giustizia e pace' della Conferenza episcopale italiana, propose che la Marcia di Capodanno divenisse la Marcia della Cei, lasciando poi l’organizzazione in mano a Pax Christi, questo diede alla Marcia una maggiore autorevolezza (oltre che alcune limitazioni, come per la scelta dei relatori) e aprendoci le porte delle grandi città: da Roma a Palermo, da Firenze a Milano, ma anche ad Assisi. Davvero un segnale per l’Italia intera. La Marcia diventa così un’icona dell’impegno per la pace, un impegno che parte dalla convinzione personale, ma che deve aprirsi all’impegno sociale – e perché sia più efficace dev’essere collettivo – per sconfiggere l’idea che la guerra è inevitabile (tanto più la guerra frammentaria, quale oggi si sta sperimentando, nella prospettiva terribile d’una guerra atomica), mentre superate le guerre medioevali tra le città, superate le guerre successive tra le nazioni, bisogna lavorare perché un’Onu veramente democratica (senza Stati con diritto di veto) ed efficace (con un suo esercito in funzione di polizia mondiale) possa risolvere i problemi insorgenti senza più il ricorso alle guerre.

E vanno affrontati i problemi connessi, a cominciare da quello della produzione e del commercio delle armi (Pax Christi italiana, negli anni 80 del Novecento, tenne convegni sul tema, a Milano, in connessione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore), un tema su cui insiste anche papa Francesco (perché se si moltiplicano le armi poi bisogna suscitare guerre per usarle!), e su cui bisogna far chiarezza, anche per non giungere, come ha fatto un alto ufficiale delle Forze Armate italiane in tv ('Atlantide' su La7, 22 novembre), ad affermare che i famosi e costosi F35 sono 'Abele che deve distruggere Caino, che è il male'! Attenzione a citare la Bibbia, dopo aver voluto come protettore dell’Esercito il Papa della Pacem in terris, perché la Genesi (4,15) aggiunge che «chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte». Lo spirito cristiano, della preghiera e della responsabilità, ci accompagni nella nostra generosità e nelle nostra speranza.

*Vescovo emerito di Ivrea, già presidente di Pax Christi Italia



Pax Christi. In Marcia a Sotto il Monte: cinquant'anni dopo sulla stessa via di pace
Luigi Bettazzi* giovedì 28 dicembre 2017
Il 31 dicembre, si torna a celebrare la Marcia di Capodanno per la Pace, la cinquantesima della serie, e proprio là dove si celebrò la prima
La Marcia di Capodanno per la pace del 2014 in provincia di Vicenza (Foto Giorgio Boato)

La Marcia di Capodanno per la pace del 2014 in provincia di Vicenza (Foto Giorgio Boato)

Caro direttore,

è bello che tra pochi giorni, il prossimo 31 dicembre, si torni a celebrare la Marcia di Capodanno per la Pace, la cinquantesima della serie, e proprio là dove si celebrò la prima. Furono i giovani di Pax Christi, nel primo Consiglio nazionale, formato dopo la mia nomina a presidente, con i gruppi allora esistenti a chiedere che nell’ultimo giorno dell’anno si facesse una Marcia della Pace, finendo col celebrare una Messa a mezzanotte, così da iniziare la Giornata Mondiale per la pace, che Papa Paolo VI aveva proposto a tutto il mondo proprio al 1° gennaio 1968, in un momento di riflessione e preghiera, con un digiuno che avrebbe sovvenzionato iniziative sociali (come fu, ad esempio, per la vicaria di solidarietà a Santiago del Cile, durante la dittatura). Fu ovvia la scelta di Sotto il Monte, paese natale di Giovanni XXIII, il Papa che aveva indetto il Concilio Vaticano II e che, nel 1962, aveva bloccato la tensione armata tra gli Usa e l’Urss per la questione di Cuba, a cui aveva fatto seguire, nell’aprile 1963, la grande enciclica Pacem in terris, un appello per la pace rivolto «a tutti gli uomini di buona volontà».

Iniziammo nel cortile di casa della famiglia Roncalli, con un discorso di padre Turoldo, il quale, rifacendosi al titolo del nostro Movimento, richiamò che non c’è una «pace romana», come si diceva duemila anni fa, o una «pace americana» come si diceva in quel tempo, ma la vera «pace» è quella «di Gesù Cristo». In questi cinquant’anni abbiamo girato l’Italia, dando ogni volta come titolo alla Marcia quello indicato dal Papa per la Giornata della pace del 1° gennaio, facendola precedere da una giornata di riflessione.

Quando, nel 1981, monsignor Bernini, vescovo di Albano e presidente della Commissione 'Giustizia e pace' della Conferenza episcopale italiana, propose che la Marcia di Capodanno divenisse la Marcia della Cei, lasciando poi l’organizzazione in mano a Pax Christi, questo diede alla Marcia una maggiore autorevolezza (oltre che alcune limitazioni, come per la scelta dei relatori) e aprendoci le porte delle grandi città: da Roma a Palermo, da Firenze a Milano, ma anche ad Assisi. Davvero un segnale per l’Italia intera. La Marcia diventa così un’icona dell’impegno per la pace, un impegno che parte dalla convinzione personale, ma che deve aprirsi all’impegno sociale – e perché sia più efficace dev’essere collettivo – per sconfiggere l’idea che la guerra è inevitabile (tanto più la guerra frammentaria, quale oggi si sta sperimentando, nella prospettiva terribile d’una guerra atomica), mentre superate le guerre medioevali tra le città, superate le guerre successive tra le nazioni, bisogna lavorare perché un’Onu veramente democratica (senza Stati con diritto di veto) ed efficace (con un suo esercito in funzione di polizia mondiale) possa risolvere i problemi insorgenti senza più il ricorso alle guerre.

E vanno affrontati i problemi connessi, a cominciare da quello della produzione e del commercio delle armi (Pax Christi italiana, negli anni 80 del Novecento, tenne convegni sul tema, a Milano, in connessione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore), un tema su cui insiste anche papa Francesco (perché se si moltiplicano le armi poi bisogna suscitare guerre per usarle!), e su cui bisogna far chiarezza, anche per non giungere, come ha fatto un alto ufficiale delle Forze Armate italiane in tv ('Atlantide' su La7, 22 novembre), ad affermare che i famosi e costosi F35 sono 'Abele che deve distruggere Caino, che è il male'! Attenzione a citare la Bibbia, dopo aver voluto come protettore dell’Esercito il Papa della Pacem in terris, perché la Genesi (4,15) aggiunge che «chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte». Lo spirito cristiano, della preghiera e della responsabilità, ci accompagni nella nostra generosità e nelle nostra speranza.

*Vescovo emerito di Ivrea, già presidente di Pax Christi Italia

Si prega Accedi a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.385 secondi
Powered by Forum Kunena